lunedì 28 gennaio 2013

I segnali non verbali della seduzione




I segnali non verbali della seduzione sono collegati a gradimenti o rifiuti emotivi.
Vi sono alcuni segnali di comunicazione non verbale che esprimono dei significati veri e propri che
vanno ben oltre il semplice gradimento e rifiuto. È molto importante collegare i segnali alla parola o
concetto espresso nel momento stesso in cui il gesto è stato inviato. Infatti vi consiglio sempre di fare
delle verifiche e di non dare per scontato tutto quello che viene espresso.
1. Mordicchiamento del labbro superiore.
Abbiamo già esaminato questo segnale tra quelli che esprimono gradimento ma, bisogna fare una
distinzione tra labbro superiore e quello inferiore. La parte superiore indica una carenza di tipo
sessuale. Quindi il nostro interlocutore inconsciamente ci comunica che l’argomento trattato o noi evocano pulsioni sessuali e che probabilmente potremmo compensare. Quindi, se riferito ad una
persona, vuol dire che l’interlocutore è inconsciamente attratto sessualmente. Attenzione, però, a non commettere l’errore di pensare che ne sia consapevole da un punto di vista logico. Infatti qui stiamo parlando di parte inconscia e non è detto che la parte razionale accetti di riconoscere questa esigenza.
Quindi se una persona vi manda più volte segnali di questo tipo, siate cauti e non lanciatevi come
mandrilli in calore su di lei. Potreste avere una brutta sorpresa. Anche se la parte logica ha
un’importanza pari al 7% in una comunicazione, non va trascurata in quanto se si pone reattiva, può
sopprimere le esigenze inconsce. Infatti. Se seguissimo l’intuito e accontentassimo quasi tutte le
esigenza della nostra parte emotiva, non esisterebbero malattie psicosomatiche. Datevi un’occhiata in
giro per rendervi conto di quanto incide la parte razionale.
2. Moridicchiament o del labbro inferiore.
Il soggetto esprime una carenza energetica di tipo affettivo e comunica inconsciamente che
potenzialmente potremmo compensarla.
3. Infilarsi un dito nell’orecchio
Il soggetto esprime un’esigenza sessuale, che vuole però mantenere nascosta
4. Massaggiarsi il lobo dell’orecchio
Il soggetto esprime un’esigenza affettiva
5. Grattamento o massaggio dell’orecchio o della zona circostante.
Il nostro interlocutore esprime pulsione represse di tipo sessuali sull’argomento o nei nostri confronti.
6. Giocare con la collana.
Il soggetto esprime una carenza di tipo affettivo-sessuale. Il segnale diventa molto più inteso se effettua
una suzione del pendaglio della collana.
7. Giocare con l’anello o il bracciale.
Occorre fare una distinzione tra il semplice girare l’anello o bracciale attorno al dito o al polso e il
giocarci compiendo un’azione ascendente e discendete (su e giù) quasi cercando di sfilare via l’oggetto
dall’arto. Nel primo caso indica una carenza energetica di tipo affettivo; nel secondo caso, invece, di tipo sessuale: infatti, quest’ultimo, simboleggia inconsciamente il rapporto sessuale.
8. Toccarsi o giocare con la cravatta.
Il nostro interlocutore ci segnala che ha una carenza energetica di tipo sessuale. Quindi, ad esempio, se
un uomo dialoga con una donna e ripetutamente si tocca o gioca con la propria cravatta, indica che
inconsciamente è attratto sessualmente da lei. Naturalmente, se una donna, tocca la cravatta del suo interlocutore, vuol dire che è attratta sessualmente da lui.
9. Grattarsi il palmo della mano.
Segnala una problematica economica.
Se la persona esprime tale gesto mentre vanta le sue risorse economiche, o mentre vi sta proponendo un
affare vantaggioso per voi, significa con molta probabilità che sta mentendo.
10. Portare la mano sotto la zona ascellare
Segnala una necessità di ottenere il proprio obiettivo attraverso un esborso di denaro.
In ogni caso è indice di disponibilità al pagamento.

Nessun commento:

Posta un commento