martedì 20 novembre 2012

La paura dell'amore



La paura dell'amore caratterizza molte persone.
La paura dell'amore attechisce sulle aspettative.

Come affermava Osho: " Una persona consapevole non ha mai aspettative. Per questo non è mai fristrata."

Può essere molto utile capire che le nostre aspettative sono una finestra sulle nostre ferite più profonde.

Per una precisa esplorazione delle aspettative più profonde subliminali (cioè inconsapevoli in quanto normalmente al di sotto della soglia di coscienza è necessario osservare i diversi aspetti della vita.

Quali sono le aspettative connesse ai sentimenti, alla sessualità, alla vita, al lavoro al danaro, alle relazioni sociali?

Cerchiamo di capire in quale di queste aree siamo stati delusi.
le delusioni sono strettamente connessi alle aspettative.
Chi mantiene il distacco dal risultato non potrà mai soffrire od essere deluso.

L'aspettativa quando diventa stato di necessità e bisogno inevitabilmente porta sofferenza.
Il bisogno di ricevere amore in realtà è un limite non una risorsa.
E' un limite perchè ci produce uno stato di paura: paura di perdere l'amore, timore di non meritarsi l'amore.
Il distacco dal risultato invece è di fatto un atto di amore perchè facilita il raggiungimento dell'amore e del benessere affettivo.

Indagare le nostre aspettative è un potente mezzo per indagare le nostre ferite.
Attiriamo situazioni che spesso amplificano quelle ferite anzichè ridurle.
Il passaggio dall'illusione d'amore, piena di aspettative all'amore, snza aspettative e con distacco dal risultato è la via regia verso la felicità.
Possiamo iniziare a portare alla luce i nostri modelli abituali di comportamento notando come le spettative ed i bisogni che possono diventare stato di necessità si manifestano nella vita quotidiana.
Tutte le volte che ci accorgiamo di un bisogno possiamo chiederci qual è la ferita sottostante che si sta nascondendo.
Quando iniziamo a focalizzare la nostra attenzione su noi stessi stiamo iniziando un cammino virtuoso che può portare dalla sofferenza alla felicità.








Nessun commento:

Posta un commento