sabato 27 ottobre 2012

Sedurre per vivere l'amore




Sedurre è importante se serve per vivere l'amore.
Empatia e tecniche di comunicazione, possono anche essere applicate per sedurre e vivere l'amore.
Per capire la relazione come compravendita di emozioni è necessario che tu conosca le regole della dinamica relazionale applicata. La dinamica relazionale applicata riguarda tre tipi di
relazione: con noi stessi, con l’altro, con il mondo.
Sei all’interno di una dinamica relazionale applicata a te stesso quando ti biasimi per un insuccesso. In questo caso ciò che stai vendendo/acquistando a te stesso è frustrazione e rabbia. Sei all’interno di una dinamica relazionale applicata all’altro quando
gli regali un fiore e gli vendi/acquisti gioia.
Il corteggiamento è la fase preliminare della seduzione può essere messo in atto sia dagli uomini che dalle donne indipendentemente dall’età.
Fasi del corteggiamento:
Ø individuazione e selezione del partner
Ø stabilire il contatto attraverso opportune strategie di esibizione allo scopo di
farsi notare, catturare la sua attenzione e farsi scegliere
Ø reciproco avvicinamento per stabilire una relazione di intimità attraverso la
graduale e progressiva riduzione dell’incertezza
Ø mantenere il legame

Per vivere bene l'amore Condividi ciò che ti aspetti dall’altro
Le aspettative non condivise sono tra le più comuni cause di incomprensione all’interno della coppia. Le aspettative non condivise sono idee o comportamenti che sembrano sfacciatamente ovvi per uno dei due partner, ma che rimangono sconosciuti, non riconosciuti o minimizzati dall’altro/a.
Sedurre serve anche per evitare di coinvolgersi sulla sofferenza.
Ci innamoriamo in base alle sofferenze vissute.

Valutiamo gli altri in relazione alle nostre necessità emotive.
Posso capire che tali affermazioni siano contrastanti con la cultura logico digitale dominante, la quale ci vorrebbe innamorati perché buoni e sensibili.
Ora siamo adulti e ci stimiamo come persone intelligenti.
Eppure ci è capitato, in passato, se non attualmente, di perdere la testa per
individui inadeguati, irrispettosi.
Come si spiega?
Sottolineo perdere la testa.
Possiamo nutrire un mondo di buoni sentimenti per il nostro compagno/a, ma il
ricordo ci riporta a momenti di amore disperato e passionale verso persone che, con noi, non avevano affinità.
I nostri occhi si posano su individui o situazioni difficili, che pongono vincoli al possesso.
L’amore, le passioni turbolente, non hanno a che vedere con la razionalità, e sono governate da una emotività  sofferente per accadimenti vissuti all’interno della famiglia di origine.

Sappiamo bene che, quando la vita ci pone in contatto con un forte oggetto di
desiderio, tutte le lacune comportamentali affiorano.
Subentrano ansia, paura, panico, timidezza, sensi di inadeguatezza.
Con chi non ci coinvolge più di tanto utilizziamo istintivamente il comportamento giusto, che ci rende affascinanti.
Con chi ci turba rischiamo di sembrare perdenti.




L’energia vitale, sotto forma di entusiasmo, è il motore della persuasione, ma
la tecnica e la dovuta concentrazione rappresentano la carrozzeria dell’impianto seduttivo.
Non esiste auto che abbia solo il motore, o solo il rivestimento:
i due elementi devono coesistere.

L’arte di sedurre non è una tecnica o un trucco, bensì un insieme di metodi e segreti che vanno a potenziare la tua personalità.
Sicuramente le persone non cadranno ai tuoi piedi per qualche piccolo trucco o frase presa da internet o da un libro. Ma è facile che si inginocchieranno
davanti a te grazie a certe “abilità” perfettamente integrate nella tua
personalità magnetica e unica.
Sedurre è dare esattamente ciò che l’altro desidera, il principe azzurro, il sogno della sua vita, l’uomo perfetto che comunica e che l’ama esattamente come vuole essere amata nella sua unicità.
Sedurre è toccare l'anima dell’altro, entrare nel suo “luogo segreto” dove tiene i suoi sogni, i desideri e le fantasie… per questo la seduzione è potente e rende sicuri di sé.






Nessun commento:

Posta un commento